#lettoinanteprima - "LE CASE DEL MALCONTENTO", RECENSIONE DI GORDIANO LUPI

«Naspini va oltre il già detto, s’inventa un linguaggio vero, preso dalla realtà contadina e maremmana, si ispira ai classici ma confeziona un genere nuovo, una novella nera che pesca nell’immaginario delle storie di paese e delle esistenze più grame e derelitte, confezionando un romanzo potente e disperato, ricco di personaggi maledetti che ricordano i protagonisti malandati delle canzoni di De André ("Non al denaro non all’amore né al cielo") e le lapidi poetiche di Spoon River. Un "Ferrovia locale" contemporaneo, una "Vita agra" ancor più agra di quella bianciardiana, un podere di Tozzi dipinto a tinte fosche e senza speranza. "Le case del malcontento" è letteratura pura.» Gordiano Lupi h

"I signori della notte", dal 18 gennaio in libreria - contiene il racconto "Sangue de

Dal 18 gennaio in libreria. Quindici grandi autori per un personaggio leggendario antico ma sempre attuale. Perché i vampiri, in Italia, esistono davvero. Lugubri, tormentati e affascinanti esseri demoniaci: ma chi sono davvero questi vampiri? La letteratura nostrana si è parcamente cibata di questa tradizione folclorica europea, diffusa in numerose culture e consolidata fin dal Settecento anche in Italia. Il vampiro è un’icona universale al di là del tempo, che mai finirà di stimolare nuove chiavi di lettura e suggestioni. È ammissibile un vampiro che scorrazza nelle notti romane o nelle periferie bolognesi, nelle campagne della Maremma o nei paesaggi dolomitici? È concepibile un vampiro ch

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag